La statua di Sant'Emidio nella Parrocchiale tavernanovese

Che ci fa? Me lo sono sempre chiesto.
Una volta lo chiesi anche a don Gennaro, ma non ricordo che la sola risposta in merito al fatto che il Santo, Vescovo e Martire, era il protettore dai terremoti e il suo cultò si attestò nelle Marche.

Una ricerca porta a dire che, quantomeno nel Regno di Napoli, scritti sulla devozione a questo santo si ritrovano dal 1731.

Infatti, si sa di una "Distinta relazione dell’orribile tremuoto accaduto in quasi tutto il Regno di Napoli, mà col danno maggiore nella Città di Foggia nella Puglia. Con il miracoloso portento dello scoprimento della Sacra Imagine di Maria Santissima dell’Assunta, adorata in Foggia sotto il titolo di Icona vetere, con la notizia della invenzione di detta Sacra Imagine, & altri portentosi successi. Con una succinta descrizione di varj castighi della Divina Giustizia mandati sopra altri Regni. Con una orazione di S. Emigdio, Vescovo d’Ascoli, contro il terremoto. In Napoli, s.n., 1731." (fonte: santemidionelmondo.wordpress.com)

Dunque, la conoscenza di questa devozione risalirebbe a non prima del 1731. A Tavernanova tale devozione sarebbe stata mutuata dalla vicina Napoli (dichiarata "città emidiana" dal sito sopra citato...), sebbene la statua che si trova nella Parrocchia dovrebbe risalire ad una settantina di anni fa (fate pure voi una indagine...please).

Info sulla vita di Santo Emidio le trovate qui.

Ah! Caso strano è che la data del martirio di S.Emidio coincide proprio con la festa della Madonna della Neve......il 5 Agosto...

Ultime news! Proprio qualche ora fa sono stato a Tavernanova. Ed ecco la nuova foto di S.Emidio.
Hanno rubato gli angioletti e la piccola casetta che era alla sinistra della statua!

Commenti

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Caro Vincenzo, grazie dell'informazione che abbiamo già aggiunto alla nostra lista.
    Se la statua ha una settantina d'anni soltanto, l'ipotesi più verosimile è che abbia a che fare col terremoto del 23 luglio 1930 (Irpinia) che causò danni abbastanza consistenti nei dintorni di Casalnuovo. Mappa delle intensità del terremoto qui http://emidius.mi.ingv.it/DBMI11/query_eq/external_call.htm?eq_id=2644&eq_group=&lang=undefined

    In assoluto la coincidenza tra la festa di s. Emidio e la Madonna delle Nevi, è meno curiosa di quanto non sembri. Il calendario ha solo 365 giorni e i santi sono molti di più...
    Del resto anche sant'Emidio non è festeggiato solo il 5 agosto (http://wp.me/p1nfEC-sM).
    Cordiali saluti e buon lavoro.

    RispondiElimina

Posta un commento